Studio SMA - formazione

Trasferiamo competenze di carattere tecnico-normativo in modo trasversale su tutti i nostri servizi, al fine di adeguare le competenze della nostra clientela sia in campo operativo che manageriale, secondo le esigenze del quadro autorizzativo, legislativo e normativo. Gli obiettivi dell'attività formativa di StudioSMA sono il trasferimento di capacità operative e di procedure di lavoro subito spendibili nella quotidianità operativa con un occhio al rapporto costi/benefici dei nostri Clienti.
Le attività previste per una formazione efficace passano attraverso un'analisi puntuale del fabbisogno formativo dei nostri Clienti, la progettazione del relativo percorso formativo, l'esecuzione della formazione e la verifica dell'apprendimento.

StudioSMA organizza corsi sia presso la propria struttura, ma anche corsi personalizzati presso i propri Clienti per accontentare qualunque tipologia di esigenza.

Calendario e Modulo Iscrizione Corsi per la Sessione Invernale 2017

Calendario e Modulo Iscrizione Corso per la Sessione Primaverile 2017 Ambito Energia

Corso sulla norma UNI EN 14181
APPLICAZIONE OPERATIVA DELLA NORMA

La Norma UNI EN 14181 definisce lo standard per il controllo di qualità di un Sistema di Monitoraggio in Continuo (Automated Measurement System - AMS) allo scopo di soddisfare i requisiti di incertezza sui valori misurati dati dalla legislazione europea (Direttive UE) e nazionale o più in generale dalle autorità competenti. Per raggiungere questo obiettivo sono state definite tre procedure corrispondenti ad altrettanti differenti livelli di controllo di qualità, detti QAL (Qualità Assurance Level – QAL1, QAL2, QAL3). Questi livelli hanno lo scopo di procedere alla validazione del sistema, dalla sua fornitura all'installazione fino alla gestione, per permettere il mantenimento della qualità dei dati forniti dallo SME. Èprevisto inoltre un controllo annuale di sorveglianza (AST- Annual Survey Test)  tra  due  QAL2.

Obiettivo del corso

Offrire un percorso formativo inerente agli aggiornamenti dell'edizione 2015 della Norma UNI EN 14181 che consenta, di comprendere e mettere in atto le novità introdotte come ad esempio i nuovi requisiti di accettabilità della strumentazione, le nuove modalità di elaborazione della funzione di taratura QAL2, le nuove modalità di calcolo degli intervalli di validità di taratura e le nuove modalità di effettuazione della procedura di QAL3. Tale corso ha il fine di permettere sia alla dirigenza che al personale operativo di stabilimento, di poter mettere in atto quanto previsto dalla Norma in breve tempo ed una procedurizzazione immediata delle attività di gestione dello SME.

Programma
  • Presentazione della Norma UNI EN 14181:2015
  •   Descrizione dettagliata delle singole procedure di controllo di qualità:
    •  QAL1: primo livello di qualità del costruttore - Nuovi requisiti di accettabilità della strumentazione
    •  QAL2: secondo livello di qualità a cura del laboratorio incaricato – Nuove modalità di elaborazione della funzionedi taratura QAL2, in particolare in caso di bassi livelli emissivi, e di calcolo  degli intervalli di validità di taratura
    •  QAL3: terzo livello di qualità di gestione presso lo stabilimento – Nuove modalità di effettuazione
    •  AST: verifica annuale di qualità SME a cura del laboratorio incaricato – Nuove modalità per l'estensione dell'Intervallo di validità di taratura
  • Simulazione di calcolo per l'ottenimento delle rette tramite QAL2 -  Nuove modalità
  • Simulazione di calcolo per la verifica di AST
  • Modalità di applicazione della Norma nel Sistema Informatico di Gestione dello SME
  • Gestione Operativa dello SME secondo la Norma

Corso sui Sistemi di Monitoraggio in Continuo delle Emissioni (SME): Manuale di gestione dello SME, legislazione in essere, linee guida regionali e nazionali e protocollo per la gestione

L'adozione di un Manuale di gestione del Sistema di Monitoraggio in continuo delle Emissioni (SME) all'interno dell'operatività di un impianto comporta da una parte l'assolvere ad un obbligo di legge e dall'altra l'introduzione di una gestione in qualità dello SME. 

Obiettivo del corso

Offrire un percorso formativo inerente il Manuale dello SME che consente, sia alla dirigenza che al personale operativo dell'impianto, di poter mettere in atto quanto previsto all'interno del documento in breve tempo ed una procedurizzazione immediata delle attività di gestione dello SME. L'attività formativa è indirizzata a coprire tutti i livelli dell'azienda che si interfacciano attivamente sulla gestione sia normativa che operativa dello SME ed è costruito sulla base della nostra esperienza nel supporto operativo ai ns Clienti. Particolare importanza sarà data alle novità apportate dal D.lgs 46/2014.

Programma
  • Quadro Normativo e Legislativo vigente
  • Linee guida per il monitoraggio delle emissioni Nazionali e Regionali
  • Gap analysis di verifica di conformità dello SME
  • Novità  Introdotte dal D.Lgs 46/2014
  • Manuale di Gestione dello SME come protocollo di gestione:
    • Definizione di minimo tecnico
    • Principio, campo ed incertezza di misura analizzatori/misuratori
    • Certificazione degli analizzatori/misuratori
    • Procedure di Manutenzione e di Taratura
    • Gestione del parco bombole
    • Procedure di Verifica dei Sistemi ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e UNI EN 14181
    • Validazione, pre-elaborazione ed elaborazione dei dati
  • Gestione e comunicazione di:
    • Superi emissivi
    • Anomalia dello SME ed indisponibilità dati
    • Applicazione pratica verifica dei sistemi ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e UNI EN 14181

Corso sulla ISO 14001:2015 & LCA: Conoscere ed applicare la normativa internazionale UNI EN ISO 14001:2015 e un approccio al LCA

La normativa internazionale ISO 14001:2015 costituisce un’importante linea guida per tutte le organizzazioni, pubbliche o private, che intendono adottare un sistema di gestione volto alla tutela e al rispetto dell’ambiente. L’adozione e la conoscenza di questo sistema aiuta a comunicare con gli enti di controllo e permette di monitorare le proprie prestazione e i propri impatti ambientali al fine di mantenersi entro i limiti legislativi. Con l’ingresso della nuova versione oltre allo studio del contesto in cui l’organizzazione si muove, viene proposto lo studio della LCA.

Obiettivo del corso

Offrire un percorso formativo inerente alla nuova versione della normativa UNI EN ISO 14001:2015, capace di preparare il personale ad affrontarne i contenuti della normativa al fine di poter implementare il proprio sistema di gestione, soffermandosi sui cardini di tale documento al fine di presentare in modo chiaro e comprensibile ciò che la norma richiede. Con l’ingresso della nuova versione, in vigore da settembre 2015, viene introdotto uno strumento noto come LCA (life cycle assestment), il quale prende in considerazione lo studio di ogni fase necessaria alla realizzazione di un prodotto. Ciò significa essere in grado di capire quali siano gli impatti e gli oneri derivanti da ogni singolo processo, comprendere come l’intero ciclo di produzione, dal reperimento della materia prima fino allo smaltimento del prodotto finito, possa impattare sull’ambiente. Inoltre, l’utilizzo di un simile strumento ricopre un ruolo interessante nell’ambito della comunicazione con il consumatore, poiché fornisce una fotografia/panoramica delle performance ambientali del prodotto che si celano dietro il prodotto ultimato. L’attività formativa è indirizzata a coprire tutti i livelli dell’azienda che si interfacciano attivamente sulla gestione sia teorica che operativa della norma ed è costruito sulla base dell’esperienza accumulata nel corso delle attività presso i nostri Clienti.

Programma
Modulo 1
  • Chiarimenti sulla struttura, terminologia e concetti
  • Anali del contesto
    • Parti interessate
    • Determinazione del campo di applicazione del sistema
  • Leadership
  • Pianificazione
    • Azioni per rischi e opportunità
    • Aspetti ambientali
    • Significatività degli aspetti
    • Obblighi di conformità
    • Obiettivi per l'ambiente e pianificazione per il loro conseguimento
  • Supporto
    • Risorse
    • Competenza/formazione
    • Consapevolezza
    • Comunicazione
    • Informazioni documentate
  • Attività operative
  • Valutazione delle prestazioni
    • Monitoraggio, misurazione, analisi e valutazione
    • Valutazione degli obblighi
    • Audit Interno
    • Riesame della direzione
  • Miglioramento
    • Non conformità e azioni correttive
    • Introduzione al LCA
  • Raccolta e gestione dei dati
  • Approccio al software SimaPro

Corso sul GREEN ENERGY AUDIT: Linee guida per la diagnosi energetica e ambientale degli edifici

L’energy audit degli edifici è lo strumento più efficace per promuovere in modo concreto azioni di riqualificazione energetica sul patrimonio edilizio esistente, che è mediamente caratterizzato da notevoli inefficienze e quindi da sprechi di energia che si possono e si devono evitare. L’evoluzione legislativa e normativa di questi ultimi anni ha incrementato notevolmente le prestazioni energetiche dei nuovi edifici, evidenziando ancora di più le differenze tra i nuovi edifici e ciò che già esiste. Il percorso verso una sempre maggiore efficienza sembra inarrestabile: la Direttiva europea 31 del 2010 prevede infatti che entro il 31 dicembre 2018 (scadenza per gli edifici pubblici, mentre per gli altri sarà dal 1 gennaio 2021), tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a energia quasi zero, quindi molto efficienti. È il mercato che chiede una sempre maggiore attenzione sugli edifici esistenti, perché solo attraverso quelle che vengono chiamate “azioni di retrofit” si possono raggiungere due obiettivi: la riduzione drastica dei consumi energetici, quindi delle spese di gestione e l’impatto sull’ambiente, e la valorizzazione dell’immobile, intesa come incremento del suo valore di mercato. Il presente corso formativo è stato chiamato “Green Energy Audit” in quanto parla di un audit che non si limita a fornire strumenti e metodi per ridurre i consumi di energia, ma si pone un obiettivo più ambizioso: contribuire a un miglioramento globale della sostenibilità dell’edificio

Obiettivo del corso

La progettazione di un qualsiasi intervento non può prescindere da una solida conoscenza di base dei principi fisici e delle tecniche, oltre che da una esperienza maturata sul campo. Questo corso serve innanzitutto a quei tecnici che già operano in campo energetico ai vari livelli, e che hanno già esperienze nel settore dell’energy audit, per completare la loro impostazione metodologica e per fornire loro spunti per migliorare la propria professionalità. Il corso può essere fruito anche da chi, non necessariamente tecnico esperto, vuole informarsi sulla potenzialità dello strumento dell’audit energetico e vuole aggiornarsi sulle reali opportunità di miglioramento.

Programma
Modulo 1
  • Aspetti generali del Green Energy Audit
  • Impostazione metodologica
  • Acquisizione delle informazioni di base
  • Baseline e valutazione del miglioramento delle prestazioni
  • Definizione del Green Energy Plan
  • Valutazione economiche degli interventi
  • Schema contrattuali
Modulo 2
  • Strumenti e procedure di rilievo in campo
  • Strumenti per la valutazione del comfort luminoso
  • Strumenti per la valutazione delle prestazioni dell'involucro
  • Strumenti per il rilievo degli impianti elettrici
  • Strumenti per il rilievo degli impianti meccanici
  • Audit dell'involucro
  • Audit degli impianti meccanici
  • Audit degli impianti elettrici
  • Monitoraggio delle grandezze
  • Verifica e taratura degli strumenti di misurazione
Modulo 3
  • Diagnosi energetica degli edifici utilizzando il software SEAS di ENEA
  • Archittettura e struttura del software SEAS
  • Fogli di lavoro su involucro e profilo di utilizzo
  • Fogli di lavoro sulle caratteristiche dell'impianto per i servizi di riscaldamento e ACS
  • Fogli di simulazione di impianti solari termici
  • Fogli di inserimento dei dati di fatturazione
  • File Analisi Economica
  • Esempio di applicazione del software SEAS a un caso di studio

Corso sulla figura dell'esperto in gestione dell'energia

Il D.Lgs 102/2014 introduce importanti novità riguardanti i soggetti che possono svolgere Diagnosi Energetiche e richiedere Titoli di Efficienza Energetica. Entro 2 anni dall'entrata in vigore del Decreto stesso infatti tutti questi soggetti dovranno essere necessariamente ESCO certificate UNI CEI 11352:14 o EGE Certificati UNI CEI 11339:09 da Enti di Certificazione Accreditati. La certificazione della competenza in materia di gestione dell'energia da parte di un Organismo di parte terza, assicura il possesso delle conoscenze e delle capacità necessarie a ricoprire in maniera efficace, nell'ambito di qualsiasi organizzazione, il ruolo di Esperto in Gestione dell'Energia.

Obiettivo del corso

Il corso è rivolto a coloro che sono interessati alla conoscenza della figura dell’Esperto in Gestione dell'Energia (EGE) e della norma UNI CEI 11339. Verrà messa in evidenza la differenza in termini di competenze tra questa figura e altre figure quali l’Energy Manager, l’Auditor Energetico e il personale ESCo.

Programma
Modulo 1
  • Quadro normativo e prescrizioni legali in materia di gestione dell'energia
  • Analisi costi-benefici dei progetti di miglioramento delle prestazioni energetiche
  • Efficienza energetica del sistema edificio - impianto termico
Modulo 2
  • Il mercato dell'energia elettrica e del gas, certificati bianchi promozione dell'uso di energia da fonti rinnovabili
  • Gestione dei progetti di miglioramento dell'efficienza energetica
  • Efficienza energetica del sistema edificio - impianto termico

Corso sugli Incentivi per le imprese nel settore energetico  con riferimento all'attuale quadro normativo

Il GSE (Gestore Servizi Energetici) è l’ente addetto alla promozione dello sviluppo sostenibile. Riconosce incentivi per l’energia elettrica prodotta e immessa in rete da impianti a fonti rinnovabili e impianti di cogenerazione ad alto rendimento. Ritira e colloca sul mercato elettrico l’energia prodotta dagli impianti incentivati e certifica la provenienza da fonti rinnovabili dell’energia elettrica immessa in rete.Valuta e certifica i risparmi conseguiti dai progetti di efficienza energetica nell’ambito del meccanismo dei certificati bianchi e promuove la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (Conto Termico).

Obiettivo del corso

Illustrare alle funzioni aziendali lo stato dell’arte sul quadro legislativo, metodologico e procedurale in materia energetica. Il corso è improntato all’analisi degli strumenti incentivanti a disposizione delle aziende più virtuose nel campo dell’efficienza energetica. Il corso prevede anche l’analisi di casi pratici e un approccio frontale per un apprendimento attivo da parte dei partecipanti. 

Programma
Modulo 1
  • Conto Energia (cenni)
  • Certificati verdi e tariffa onnicomprensiva (cenni)
  • Ritiro Dedicato e Scambio sul Posto
  • Cogenerazione ad alto rendimento (CAR) e Garanzia d’Origine
  • Biocarburanti
  • Conto Termico
  • Qualifiche SEU-SEESEU
Modulo 2
  • Certificati bianchi
  • Detrazione fiscale per riqualificazione energetic
  • Gas, CO2 e Servizi Energetici:
  • Sistemi di accumulo
  • Stoccaggio virtuale gas
  • Mercato stoccaggio gas
  • Metering satellitare
  • Mancata produzione eolica
  • Mix energetici, Offerte Verdi e aste GO
  • Aste CO2
  • Biometano
  • Dispacciamento Rinnovabili

Corso di legislazione ambientale e relativi aggiornamenti

Le continue evoluzioni tecniche, unitamente alle modifiche del quadro legislativo nazionale, obbligano i preposti aziendali ad un costante e continuo aggiornamento in materia ambientale. Proprio l'evoluzione nel tempo della legislazione rappresenta un elemento di criticità sia per i risvolti sia economici che penali ai quali le aziende sono sottoposte e quindi un necessario punto di snodo sono le competenze e le conoscenze del personale interno rispetto a queste tematiche.

Obiettivo del corso

Offrire alle funzioni aziendali un aggiornamento puntuale sul quadro legislativo, normativo e procedurale in materia ambientale. Il corso è improntato all'analisi della legislazione in materia di acque, rumore, emissioni in aria e rifiuti con l'analisi di casi pratici e un approccio frontale per un apprendimento attivo da parte dei partecipanti. Il corso prevede anche un analisi delle principali norme tecniche sia per la gestione, ISO 14001, che di riferimento per le analisi sulle diverse matrici e lo studio di casi operativi. 

Programma
  • Quadro legislativo e normativo nazionale
  • Analisi delle modifiche sulle matrici:
    • Emissioni in aria
    • Emissioni in acqua
    • Rumore
    • Rifiuti
    • Emissioni sul suolo
  • Quadro penale e sanzionatorio
  • ISO 14001: Sistema di gestione Ambientale come strumento operativo
  • Pratica autorizzativa
  • Autorizzazione Integrata Ambientale: specificità e integrazioni con la ISO 14001.
  • Valutazioni ed autorizzazioni ambientali;

 

Corso sulla norma UNI CEI EN ISO 50001: Vantaggi dei programmi di gestione dell'energia per le aziende

L'implementazione  di un Sistema di Gestione dell'Energia (SGE) all'interno della propria realtà aziendale fornisce la base ideale per ottenere un efficace miglioramento della performance aziendale, con l'obiettivo principale della riduzione delle emissioni in atmosfera correlato ad un effettivo risparmio sui consumi energetici (elettricità , combustibile e gas naturale).

La nuova Norma ISO 50001 consente di definire un sistema di gestione, strutturato sulle fasi Plan-Do-Check-Act che caratterizzano il ciclo di Deming, in grado di identificare azioni di risparmio energetico sia sui servizi generali (centrale termica, centrale frigorifera, aria compressa, condizionamento, illuminazione) che sui servizi produttivi, attuando miglioramenti sia a livello gestionale che di impianti.

Grazie alla sovrapponibilità tra varie parti delle norme la ISO 50001 è facilmente integrabile con le altre certificazioni aziendali quali le norme ISO 9001, ISO 14001 e OHSAS 18001 attive all'interno di un Sistema di Gestione Integrato (SGI) che consente diversi benefici potenziali: unico referente aziendale, contrazione dei costi di gestione, minori tempi di audit e rinnovo delle certificazioni.

Obiettivo del corso

Offrire un percorso formativo inerente l'attuazione di un SGE integrato al SGI aziendale che consenta, sia alla funzione direttiva, che al personale operativo dell'impianto, di monitorare i consumi energetici dell'impianto, rispettare le prescrizioni che prevedono il soddisfacimento delle normative e legislazioni specifiche, comportando un'ottimizzazione dei costi operativi di gestione e individuando le opportunità di miglioramento. L'attività formativa è indirizzata a coprire tutti i livelli dell'azienda che si interfacciano attivamente sulla gestione sia normativa che operativa del Sistema di Gestione dell'Energia. 

Programma
  • Norma ISO 50001: Sistemi di gestione dell'energia, principi base e sviluppo di un sistema di gestione 
  • Integrazione con un sistema di gestione integrato (SGI) ed i suoi benefici
  • Piano di Monitoraggio e Controllo: Quadro normativo e legislativo vigente 
  • Integrazione tra 50001 e PMC nell'ambito del SGI aziendale: ottimizzazione del sistema per il rispetto degli obblighi legislativi
  • Controllo parametri ambientali e di impianto 
  • Verifica attuazione SGE: tecniche di auditing

 

Corso sul Piano di Monitoraggio e Controllo e prescrizione AIA: Benefici dell'integrazione con SGI e SGE e le novità introdotte dal D.lgs. 46/2014

L'introduzione di un Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) all'interno dell'operatività di uno stabilimento è previsto dal D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e dalla Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) inoltre il 46/2014 ha apportato varie modifiche al 152/06 e alle modalità di applicazione delle prescrizioni legali. 

Un numero sempre crescente di realtà sono inoltre spinte ad intraprendere un percorso di certificazione volontaria secondo le norme ISO 9001, ISO 14001, 50001 e OHSAS 18001, vista la necessaria gestione ottimizzata degli aspetti qualitativi, ambientali e di sicurezza. La comunanza di molte parti delle norme, la necessità di ottimizzare la fase di implementazione come quella di gestione pone le aziende di fronte alla scelta di accorpare ed integrare le diverse certificazioni per avere attivo un Sistema di Gestione Integrato (SGI) ottenendo così diversi benefici potenziali: unico referente aziendale, contrazione dei costi di gestione, minori tempi di audit e rinnovo.

Obiettivo del corso

Offrire un percorso formativo inerente l'attuazione del PMC allegato all'AIA integrato al SGI aziendale che consenta, sia alla funzione direttiva, che al personale operativo dell'impianto, di attuare le prescrizioni tecniche che prevedono il soddisfacimento delle normative e legislazioni specifiche comportando un'ottimizzazione dei costi operativi di gestione. L'attività formativa è indirizzata a coprire tutti i livelli dell'azienda che si interfacciano attivamente sulla gestione sia normativa che operativa del PMC e del SGI; sulla base della nostra esperienza vengono illustrati case history  e soluzioni sviluppate dal 2006 ad oggi. 

Programma
  • Norma ISO 9001: la gestione in qualità dei processi, principi base e sviluppo di un sistema di gestione 
  • Norma ISO 14001: la gestione dell'impatto ambientale, principi base e sviluppo di un sistema di gestione
  • Norma ISO 50001: efficienza energetica in azienda, principi base e sviluppo di un sistema di gestione
  • Norma OHSAS 18001: la gestione della sicurezza, principi base e sviluppo di un sistema di gestione
  • Norma SA 8000: la gestione di un organizzazione "etica"
  • Sviluppo di un sistema di gestione integrato (SGI) ed i suoi benefici
  • Piano di Monitoraggio e Controllo: Quadro normativo e legislativo vigente 
  • Integrazione del PMC nell'ambito del SGI aziendale: ottimizzazione del sistema per il rispetto degli obblighi legislativi
  • Controllo parametri ambientali e di impianto 
  • Gestione Sistemi di Monitoraggio in Continuo 
  • Attività di sorveglianza del soggetto terzo su applicazione PMC e ISO 14001
  • Comunicazioni periodiche: art 29 - sexies, comma 6, D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e discipline regionali
  • Gestione anomalie ed emergenze
  • Verifica attuazione PMC: tecniche di auditing
  • Novità legislative introdotte dal D.lgs. 46/14 

 

Corso sulla dispersione di inquinanti in atmosfera e odori

In campo ambientale, sempre maggior interesse è rivolto alla modellistica di dispersione di inquinanti derivata dalla meteorologia applicata, siano essi fumi, odori o particolato. Le motivazioni di questo richiamo sono riconducibili agli oggettivi rischi sanitari connessi e alle normative europee e nazionali che regolano l'immissione in natura di sostanze derivate dai processi di produzione.

Obiettivo del corso

Offrire formazione per tecnici e operatori del settore coinvolti nelle attività di monitoraggio, analisi, previsione e bonifica dell'inquinamento atmosferico. L'obiettivo specifico è quello di fornire informazioni utili all'orientamento nel campo della turbolenza, argomento complesso e spesso eccessivamente semplificato durante le procedure di interpretazione. 

Programma
  • Normativa di riferimento
  • Cenni alle correnti turbolente e alla meccanica dell'atmosfera
  • Morfologia dei pennacchi e dinamica degli inquinanti
  • Deposizione di inquinanti al suolo
  • Classificazione degli strumenti di calcolo
  • Dispersione di inquinanti in ambiente urbano
  • Climatologia Urbana

Il seguente corso sarà svolto presso la nostra sede su richiesta. Per informazioni su iscrizioni e costi:alice@studiosma.it

Corso sulla bonifica di siti contaminati

La presenza nel territorio di numerose aree caratterizzate da condizioni di forte degrado e la conseguente necessità della messa in opera di interventi di bonifica hanno assunto un’importanza esponenziale crescente sia a livello nazionale che internazionale, arrivando a costruire per i diversi paesi un problema complesso e oneroso dal punto di vista economico, tecnologico e amministrativo. Ciò ha richiesto la predisposizione di strategie finalizzate alla decontaminazione e al recupero funzionale dei siti contaminati, in cui l’emanazione di adeguati strumenti normativi si è accompagnata allo sviluppo di specifiche metodologie e tecnologie di caratterizzazione, monitoraggio e risanamento. La normativa e gli approcci operativi legati alla gestione e alla bonifica dei siti inquinati sono stati inoltre soggetti a significativi e progressivi cambiamenti negli ultimi anni, sia in Italia che in altri paesi europei; la continua evoluzione di questo settore richiede perciò un continuo aggiornamento delle competenze da parte degli operatori coinvolti.

Obiettivo del corso

L’obiettivo del corso è di fornire un inquadramento sulle tecniche di bonifica al fine di affrontare e gestire la rilevante e complessa problematica multidisciplinare riguardante caratterizzazione e il recupero di siti contaminati. 

Programma
  • Problematica dei siti contaminati e normativa di riferimento
  • Inquadramento scientifico della problematica dei siti contaminati
  • Aspetti chimico ambientali, tossicologici ed eco tossicologici
  • Caratterizzazione dei siti contaminati
  • Analisi di rischio
  • Tecniche di bonifica

 

Corso sulla corretta gestione dei rifiuti, novità normative e applicazioni pratiche

La corretta gestione dei rifiuti necessità di una formazione approfondita e puntuale, per evitare conseguenze in termini di sanzioni e responsabilità. Essa deve avvenire nel pieno rispetto della normativa che li riguarda. Questa normativa è a volte particolarmente complessa e gli aspetti di ordine giuridico-amministrativo si combinano con quelli prettamente tecnici.

Obiettivo del corso

La soluzione formativa mira ad analizzare l’intera filiera dei rifiuti e le principali criticità connesse a tale delicato settore. Tra le recenti novità verranno, inoltre, affrontate:

  • Il DDL n. 1345-B, contenente nuove norme in materia di delitti contro l’ambiente “ECOREATI”
  • Lanuova classificazione dei rifiuti
  • Il regime transitorio del SISTRI
  • L’Albo Nazionale Gestori Ambientali, (DM 120 del 2014)
  • Le nuove autorizzazioni degli impianti di gestione dei rifiuti.
 
Programma
  • Introduzione alla normativa
  • La responsabilità dell'amministratore
  • La classificazione dei rifiuti:nuovi criteri
  • Le autorizzazioni alla gestione dei rifiuti
  • La tracciabilità dei rifiuti

 

Corso di Formazione sulla sicurezza

L'offerta formativa di Studio SMA si amplia con i corsi di formazione obbligatori in materia di Sicurezza. Svogliamo attività formativa per imprese, aziende, lavoratori autonomi e professionisti.

Organizziamo corsi per Datori di Lavoro, Proposti, RSPP, Coordinatori della Sicurezza, RLS, Dirigenti e per tutte le altre figure previste in azienda.

Mettiamo a disposizione del cliente un pacchetto vasto di corsi e successivi aggiornamenti come previsti dal D.lgs81/2008.

Scarica qui l'elenco dei Corso di Formazione sulla sicurezza.

Di seguito le schede dei singoli corsi in formato pdf

Italiano